de | en | fr | it

A.R.I.F.
Rue de Rive 8
Case postale 3178
1211 Genève 3

T. +41 22 310 07 35
F. +41 22 310 07 39
info@arif.ch

E-learning

Chi siamo ?

Scopo

Il 24 dicembre 1999, l’Autorità federale in materia di lotta contro il riciclaggio di denaro ha concesso all’Associazione Romanda degli Intermediari Finanziari (ARIF) il riconoscimento quale organismo di autodisciplina (OAD).

Nata a Ginevra il 15 marzo 1999 per iniziativa di un gruppo di professionisti della finanza, l’ARIF è un’associazione senza scopo di lucro, con l’obiettivo di promuovere la prevenzione e la lotta contro il riciclaggio di valori patrimoniali e di far conoscere ed applicare ai suoi membri la Legge federale del 10 ottobre 1997 relativa alla lotta contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo nel settore finanziario (LRD).

La LRD rende obbligatori, per qualsiasi intermediario finanziario non bancario, sia l’affiliazione a un OAD riconosciuto, sia l’ottenimento di un’autorizzazione concessa direttamente dall’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA) ad esercitare la sua professione in tutto o in parte.

L’ARIF, primo OAD generalista con radici in Svizzera romanda, è un’associazione indipendente da qualsiasi altra associazione professionale o schieramento politico. Essa è aperta a tutti gli interme­diari finanziari non bancari anche in Svizzera tedesca e in Ticino.

L’ARIF raggruppa attualmente un po’ più di 490 membri. L’affiliazione effettiva all’ARIF può tuttavia essere ottenuta unicamente dagli intermediari finanziari che soddisfano le sue esigenze di qualità.

Obblighi

Conformemente alla LRD e alle direttive dell’Autorità federale, l’OAD deve soddisfare in particolare i seguenti requisiti :

  1. Garantire costantemente il rispetto degli obblighi legali (condizioni d’autorizzazione);
  2. Disporre di un controllo efficace e di un sistema sperimentato di sanzioni che gli consente di assicurarsi che gli intermediari finanziari affiliati rispettino i loro obblighi legali di diligenza;
  3. Fornire una formazione adeguata ai suoi membri;
  4. L’impegno di instaurare una comunicazione aperta ed efficace con i suoi affiliati, con l’Autorità federale e con gli altri OAD;
  5. Disporre di un numero di membri sufficientemente alto per permettergli di adempiere i suoi compiti evitando i conflitti d’interesse.

Organigramma